Vuoi essere sempre
aggiornato sulle novità? Iscrizione
Newsletter
conferma
Sempre in linea

Una rubrica dedicata a tutti
i clienti che vogliono essere
informati sulle nuove
normative del settore
energetico

Attenzione alle offerte telefoniche o porta a porta

L'Autorità per l'energia ha segnalato numerose truffe ai danni dei consumatori sui contratti di luce e gas, proposti attraverso offerte telefoniche o porta a porta. E’ un fenomeno che colpisce in particolar modo gli utenti domestici, che di fronte ad offerte solo apparentemente convenienti, vengono invitati a firmare dei "moduli informativi" o dei “preventivi”. Spesso però si tratta di contratti a tutti gli effetti e così il consumatore si trova a pagare una nuova bolletta, molto più alta, senza aver voluto realmente cambiare gestore o tariffa.

Può accadere inoltre che alcuni promotori commerciali aggiungano firme fasulle ai contratti o che richiedano il numero POD (indicato sulla prima pagina della bolletta) con la scusa di dover effettuare dei controlli, mentre poi viene utilizzato per attivare un nuovo contratto di fornitura di luce e gas.

L’Autorità per l’energia si sta impegnando insieme alle società che operano nel campo dell’energia e alle associazioni dei consumatori per risolvere il problema. Nel frattempo il consiglio ai consumatori per evitare raggiri è di stare attenti alle informazioni che si forniscono e di chiedere sempre chi sono e per chi lavorano le persone che arrivano a casa a proporre nuovi contratti o tariffe di luce e gas; evitare di consegnare nelle loro mani una bolletta anche se ve la chiedono insistentemente; non firmare nulla e né fornire la propria carta d’identità .

E’ opportuno valutare sempre con molta attenzione le offerte relative a metano e energia elettrica, specialmente se queste propongono risparmi con modalità di difficile comprensione e presentano offerte poco chiare sul prezzo finale praticato.

Inoltre è importante sapere che il diritto di ripensamento permette, entro 10 gironi, di annullare il contratto già firmato e che, se entro i 40 giorni la società fornitrice non risponde, si può chiamare il numero verde dell’Autorità per l’energia o contattarlo tramite fax, e-mail o per posta. Se invece sono passati i dieci giorni si può comunque ritornare al vecchio fornitore in ogni momento

 

Contatti
Seguici su Facebook Seguici su YouTube